Teatro del Dialogo

Dove ci trovi

Come raggiungerci

Con i mezzi pubblici
Da Genova Principe: 
Bus n° 1 per Caricamento, o Metro fermata San Giorgio. 

Da Genova Brignole: 
Bus n° 13 per Caricamento o Metro fermata San Giorgio.
in auto
Potete arrivare dall'uscita autostradale Genova Ovest, e seguendo le indicazioni per l'Acquario di Genova trovare parcheggio presso l'Acquario o presso il Porto Antico, Calata Gadda.

Teatro del Dialogo

Il Teatro del Dialogo rappresenta il cuore del Suq Festival, palcoscenico e simbolo del dialogo tra culture sin dalla sua fondazione. Comprende spettacoli ospiti e di produzione e beneficia dal 2015 del sostegno del MIBACT attraverso il Fondo Unico Spettacolo per il settore Festival Teatrali, vista l’approvazione del progetto triennale 2015/2017 del Suq Festival.

Dopo Persone, il corpo e lo spirito (2015) e Generazioni, memoria e futuro (2016), il 19° Suq Festival-Teatro del Dialogo si è articolato intorno alla tematica Il viaggio e la sosta: un percorso che ha attraversato le storie di chi è andato o è arrivato, chi si è fermato o è ancora in viaggio alla ricerca di un luogo dove mettere radici, o semplicemente sostare per un po’.
La Rassegna ha visto in scena, accanto ad affermati attori e registi, tanti artisti di seconde generazioni o migranti, attenti al panorama europeo e all’innesto del loro lavoro nella dimensione sociale e quotidiana dell’esistenza.


 

Rassegna 2017

Sabato 17 giugno 2017 ore 21.30 – Palco Suq
Di Suoni e d’asfalto
Letteratura e musica di viaggio
dai testi di Miller, Kerouac, Soldati, Le Clézio, Baricco, Calvino
con Eugenio Allegri e Les Nuages Ensemble
Annarita Crescente violino, Elisabetta Bosio contrabbasso, Lucia Marino clarinetto, Alessandra Osella fisarmonica
regia Eugenio Allegri
produzione Cooperativa CMC

Uno spettacolo dedicato alla letteratura di viaggio e portato in scena da Eugenio Allegri con il gruppo musicale “al femminile” de les Nuages Ensemble. Solcando le pagine di Miller, Kerouac, Soldati, Chatwin, Le Clézio, Baricco, Calvino e cavalcando suoni berberi, klezmer, tango e mediorientali, grazie all’arte affabulatoria di Allegri e a uno straordinario quartetto di musiciste, si approda in un territorio di scoperta particolarmente emozionale. Una proposta idonea per dare il via,  con il ritmo giusto,  ad una rassegna dedicata al viaggio, con la musica come ideale compagna di strada.

 

Da Domenica 18 giugno a mercoledì 21 ore 19 e 21.00* – Furgone**
Medea sul lungomare Canepa
Una Medea urbana e contemporanea si racconta ripercorrendo le vie del suo dramma
drammaturgia Elena Cotugno con la collaborazione di Fabrizio Sinisi
con Elena Cotugno
ideazione e regia Gianpiero Borgia
produzione Teatro dei Borgia

Dopo il successo ottenuto in Puglia e a Milano, arriva a Genova questo spettacolo itinerante, a bordo di un furgone, che ospiterà soli 7 spettatori per volta: un lavoro immersivo ed esperienziale che si svolge in prossimità fisica con l’attrice. Si racconta la storia di una giovane migrante, arrivata in Italia e finita a prostituirsi per amore di un uomo da cui si crede ricambiata… L’ambientazione è la strada, non una, ma tutte le strade della prostituzione. È una madre, una straniera, il pubblico viaggia con lei, ascolta il racconto del suo viaggio fino all’Italia, della sua vita, della sua storia d’amore. Si condivide un pezzo del percorso con lei, sinché non salta giù e fugge via, perdendosi nella città.
* Domenica 18 giugno si terrà solo la rappresentazione delle ore 19.00.
** Ritrovo per il pubblico all’ingresso del Suq in Piazza delle Feste.

 

Lunedì 19 giugno ore 10.30 – Palco Suq
Trallalero Trallalà, la gazza ladra è ancora qua
L’omaggio del Suq ad Emanuele Luzzati nel decennale della sua morte
rime, favole e filastrocche di Emanuele Luzzati
adattamento e regia di Enrico Campanati
con Enrico Campanati e la Compagnia Giovani del Suq
produzione Chance Eventi – Suq Genova

 

Lunedì 19 e martedì 20 giugno ore 21.30 – Museo Luzzati
Deuteronomio Pentateuco #5
Tragicommedia kafkiana, la discesa agli inferi di un piccolo borghese che perde la presunzione d’innocenza
testo e regia Marco Di Stefano
drammaturgia Chiara Boscaro
con Giovanni Gioia
musiche originali Lorenzo Brufatto
progetto La Confraternita del Chianti
produzione Suq Festival/Associazione K. e Infallible Productions/Draper Hall
in collaborazione con Teatro Verdi – Teatro del Buratto

Una giovane compagnia che si è già fatta notare e che debutta in prima nazionale a Genova con questo spettacolo, frutto di una ricerca artistica che si ispira al Deuteronomio biblico, ma si immerge nel quotidiano. È la storia di un italiano che ha trovato all’estero la Terra Promessa e ora vive in un centro medio-piccolo di un Paese medio-ricco, in una villetta medio-nuova, con una famiglia medio-serena e un cane medio-obeso. Ma la tragedia colpisce la città: una ragazzina viene uccisa. E sullo Straniero cade il sospetto. Deuteronomio è una tragicommedia kafkiana, la discesa agli inferi di un piccolo borghese che perde la presunzione d’innocenza e scopre che la Terra Promessa è la meta di un cammino interiore.

 

Mercoledì 21 giugno ore 21.30 – Museo Luzzati
Lireta. A chi viene dal mare
Dal diario di Lireta Katiaj e altri milioni di diari mai scritti
drammaturgia e regia Mario Perrotta
con Paola Roscioli
e con Laura Francaviglia chitarra Samuele Riva violoncello
produzione Permàr / La Piccionaia / dueL

Uno spettacolo denso di parole, emozioni, suoni, con la regia e la drammaturgia di Mario Perrotta. Lireta, è una donna albanese che guarda oltremare cercando un brandello d’Italia, anche solo una luce. C’è lei, e c’è un gommone che parte e la donna sta in mezzo agli altri sul mare. Tra le braccia ha una bimba, neanche tre mesi di vita, e si trova sull’onda. Ogni onda che arriva, il mare s’ingrossa. E più forte è il terrore di perdersi la bambina dalle mani. Ogni volo sull’onda precede uno schianto sull’acqua arrabbiata e ogni schianto è un ricordo… Una storia archetipica che contiene in sé tutte le stigmate del migrare: dalle ragioni fino alle conseguenze di una scelta così forte come quella di lasciare la propria terra.

 

Giovedì 22 giugno ore 21.30 – Isola delle Chiatte
Sotto un cielo straniero
Lo spaesamento di oggi nelle grandi città, raccontato con ironia e divertimento
di Marco Di Stefano, Rufin Doh Zéyénouin, Margarita Egorova, Elide La Vecchia, Alfie Nze, Lorenzo Piccolo, Diego Runko
supervisione drammaturgica Renato Gabrielli
con Olivier Elouti, Kalua Rodriguez, Yordy Cagua, Yudel Collazo, Mateo Çili, Mayil Georgi Nieto, Ngone Gueye
regia Tiziana Bergamaschi
aiuto alla regia Olivier Wangue Elouti
produzione L’Associazione Culturale “Teatro Utile (il viaggio)

Un quadro impressionista che ritrae una grande città e il senso di spaesamento di alcuni cittadini immigrati. Temi forti trattati con leggerezza e con una ironia che non risparmia nessuno, e che ci obbliga a riconoscerci nei comportamenti stereotipati e nei pregiudizi sui cosiddetti “extracomunitari” attraverso un dichiarato gioco scenico. La realtà è mostrata agli occhi del pubblico attraverso un filtro interpretativo dai risvolti talvolta comici e dissacranti. Punto di forza è l’affiatamento della compagnia multiculturale, capace di utilizzare all’occasione diverse lingue nell’intreccio narrativo, privilegiando naturalmente l’italiano, ma con un montaggio originale, che colpisce lo spettatore.

Venerdì 23 giugno ore 19.00 e ore 21.30 – Isola delle Chiatte
La leggenda del pianista sull’oceano
Il viaggio, il mare, l’amicizia… su uno dei più grandi transatlantici del “Novecento”
dal testo di Alessandro Baricco
adattamento Igor Chierici
con Igor Chierici
e con Massimiliano Rolff contrabbasso, Lauretta Galeno voce, Luciano Barbarotta tromba
e il piccolo Novecento, interpretato da Marco Vecchio
regia Luca Cicolella
produzione Igor Chierici
in collaborazione con Fondazione Garaventa

“…avevo diciassette anni quando ci salì, là sopra: sul Virginian” Così, Max, il narratore di tutta la storia, fa iniziare il sogno che porterà tutto il pubblico a bordo del piroscafo che ha ospitato il più grande pianista di tutti i tempi: Denny Boodman T.D. Lemon Novecento. Max è un trombettista, è il migliore amico di Novecento e dopo anni, ricevuta una lettera con scritto che la nave verrà fatta esplodere, ritorna a bordo, per l’ultima volta, a incontrare il suo più grande amico che da quella nave, sulla quale è nato, non è mai sceso…

 

Sabato 24 giugno ore 19.00 – Palco Suq
La Giovine Italia
La nuova Italia nello sguardo e nelle vicende di madri e figlie immigrate
testi a cura di Adriana Calero, Enza Levatè, Suad Omar, Elena Ruzza,
Vesna Scepanovic, Maria Abebù Viarengo, Flor de Maria Vidaurre
con le madri Adriana Calero, Enza Levatè, Suad Omar, Elena Ruzza,
Vesna Scepanovic, Maria Abebù Viarengo, Flor de Maria Vidaurre
le giovani Ilaria Capraro, Yendry Fiorentino, Xi Hu, Deka Mohamed,
Ikram Mohamed, Songul Murat, Sara Outabarrhist, Annasofia Solano,
Luisa Zhou.
canti originali Yendry Fiorentino, Enza Levatè, Maria Abebù Viarengo
regia Gabriella Bordin
produzione Almateatro

Un atlante di voci, volti, generazioni; un avvincente racconto al femminile, attraverso il legame tra le figlie e le madri arrivate qui negli anni ’80 e ’90 o protagoniste delle migrazioni interne. Il testo dello spettacolo è frutto di una drammaturgia corale che nasce dall’attività laboratoriale delle attrici della Compagnia Almateatro con ragazze nate in Italia o giunte per ricongiungersi alla famiglia. Sono loro le protagoniste che ci fanno riflettere sul rinnovamento culturale della società contemporanea con un’ottica rivolta principalmente al futuro. Un’esperienza teatrale che vale la pena di conoscere e che può dirci molto del mondo in cui viviamo.

 

Venerdì 30 /h. 19.00 Museo Balzi Rossi, Ventimiglia
Il lungo viaggio
Il racconto di Sciascia per un evento alla frontiera di Ventimiglia
dal racconto di Leonardo Sciascia
lettura pubblica di Pippo Delbono
ideazione Carla Peirolero
interventi musicali a cura della Compagnia del Suq
nell’ambito del Progetto Utopia della Meta
In collaborazione con Comune di Ventimiglia e Museo Preistorico dei Balzi Rossi

Le avventure emblematiche di un gruppo di migranti degli anni 50, per un evento teatrale alla frontiera di Ventimiglia.

 

Prezzi biglietti intero €7 ridotto €5*
Riduzione per soci SUQ, Soci COOP, per chi ha biglietti di
Orfeo Rave (www.teatrodellatosse.it) e di
Rassegna Drammaturgia Contemporanea (www.teatrostabilegenova.it)
Conserva i biglietti del SUQ avrai riduzioni per
Orfeo Rave, Museo Luzzati, Galata – Museo del Mare e Acquario di Genova
*Prezzi speciali: Medea sul Lungomare Canepa (€10); Trallalero Trallallà (3); Il lungo viaggio (€10 )
Info e prenotazioni: 010 5702715 / 329 2054579 festival@suqgenova.it
Acquisto biglietti al SUQ Festival o su
Happyticket Vivaticket