Mondopentola – Ricette per convivere

Il video ufficiale di Mondopentola, ricette per convivere

Il progetto

Mondopentola – Ricette per convivere è il titolo del progetto con cui la Compagnia del Suq ha vinto il bando MigrArti 2018 del MiBACT, unica realtà ligure – insieme ad altre 28 selezionate in Italia – su più di 150 progetti artistici presentati.

Mondopentola, ispirato all’omonimo libro curato da Laila Wadia, scrittrice di origine indiana residente in Italia, ha portato in scena la cultura del cibo come motore del dialogo e dell’integrazione tra culture: basti pensare alla convivialità che riesce a stimolare una tavola imbandita. Il cibo, come ha scritto l’antropologo Marco Aime, insieme alla musica è l’ambito che meglio esprime il divenire della cultura, il suo essere frutto di contaminazioni, viaggi, intrecci.Il cibo pur valorizzando le differenze unisce magicamente linguaggi e provenienze, favorisce la convivialità

La cucina infatti, pur valorizzando le differenze, unisce magicamente linguaggi e provenienze. Imparare a mischiare gusti diversi significa aprirsi al nuovo, fare amicizia.

Il progetto artistico, di cui capofila è il Suq, vede come partner: Palazzo Reale di Genova, Comitato Casa del Migrante Ecuadoriano, Mabota A.S.A, Associazione Semi Foresti;
Ampia la rete delle collaborazioni: CIT Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Teatro Stabile di Genova, Associazione Luanda, Associazione Solidarietà Italo-Etiope-Eritrea, ACLI Liguria, Endofap Liguria, Associazione Culturale Matrioske, Vivere Santa Brigida, Comunità Ucraina, Officina Letteraria.

Lo spettacolo itinerante

Lo spettacolo finale del Progetto ha utilizzato tutte le carte dell’espressività teatrale, grazie a un mix di narrazione, musica, danza dai sapori differenti, nel consueto stile teatrale del Suq. Il pubblico ha risposto con entusiasmo, riempiendo le tre repliche, attratto da un tema che è centrale nella vita di tutti, e lo è particolarmente per chi è costretto a migrare. “Mondopentola”, come il libro a cui si ispira, ha presentato, e fatto gustare , se non altro con la fantasia, piatti che mischiano i sapori di Occidente a quelli di Oriente, passando per l’Africa e senza tralasciare la cucina genovese e il suo pesto. Imparare a riconoscere il significato e la storia del nostro modo di accostarci al cibo è anche aprirsi al nuovo, alla condivisione, stabilire relazioni.

Mondopentola – Ricette per convivere, andato in scena dal 27 al 29 luglio  a Palazzo Reale di Genova (guarda la fotogallery), ha visto recitare insieme una ventina di artisti di 16 origini diverse  (Cuba, Messico, Panama, Perù, Nigeria, Liberia, Repubblica Dominicana, Mauritania, Guinea, Ecuador, Angola, Albania, Mali, Gambia, Ucraina e Italia), tra artisti professionisti e  giovani alle prime esperienze teatrali: Olmo Manzano AnorveAlberto LassoElena NadyakOksana NadyakLeli K-lidasPreci PBianca Podestà insieme a Mohammed BarryEnmanuel De La CruzTourad Yemhlou Mouhamed Essid, Roberta DesderiLamin Dinguross, Pancracio Bungo LubengoAna Paula Gonzalez TorresIgho OlizeEriomina ShahajBemba SidibeMelissa ZhingreSebastiàn Zhingre.
L’adattamento drammaturgico è curato da Emilia Marasco e Carla Peirolero, che ne ha firmato anche la regia, con assistente Alberto Lasso.

Elementi scenici e di costume di Danièle Sulewic con la collaborazione di Alhassane Diallo, Foday Fatty, Suleyman Kassama, Cherif Watara, mentre la consulenza musicale è stata di Laura Parodi. Lo spettacolo infatti ha intrecciato narrazione, musiche e danze come nello stile della Compagnia del Suq. Hanno collaborato alle attività artistiche e formative Enrico Campanati, Raffaele Casagrande, Emilia Marasco e Olmo Manzano Anorve.

Sfoglia il depliant dello spettacolo a questo link

Laboratori e altre iniziative

La partenza è stata avviata con una call per partecipare ai laboratori di scrittura e teatrali, che si sono svolti a partire da aprile 2018, condotti da Emilia Marasco, e che hanno visto la partecipazione di oltre 30 persone.

Insieme alle attività formative ci sono stati incontri di approfondimento, tra cui Teatro e Intercultura per la formazione di una comunità plurale, svoltosi a maggio 2018 presso il Dipartimento delle Arti e Spettacolo dell’Università di Genova
Con  Claudio Bernardi,  Direttore CIT Centro di Cultura e iniziativa teatrale “Mario Apollonio” – Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Giulia Innocenti Malini ricercatrice del Progetto PRIN 2015/2018 Per – formare il sociale, gli allievi dei laboratori di Mondopentola hanno potuto confrontarsi con una realtà, quella del CIT, che rappresenta l’eccellenza italiana nel campo del teatro sociale, comunicando ciascuno la propria visione del tema integrazione, la percezione personale rispetto al quotidiano, le prospettive, i desideri.

Rassegna stampa

Sfoglia la rassegna stampa con una selezione di articoli dedicati al progetto.

A questo link il video de “La mia casa è dove sono” (vincitore del Bando MigrArti 2017) in replica al Teatro Nazionale per la stagione 2018/19

www.migrarti.it