Teatro del Dialogo 2019

clicca sulle foto per scoprire la rassegna 2019

Cuore del 21° SUQ Festival, la rassegna si compone di 8 spettacoli, 12 repliche, 7 Compagnie. Il teatro al Suq è “ all’insegna dell’impegno, fondendo culture diverse, non elitario, accessibile a tutti”, così si legge su Sipario.

Un teatro unico sia per le proposte, che per le cornici sceniche: la Chiesa di San Pietro in Banchi, l’Isola delle Chiatte, l’Auditorium dell’Acquario e Piazza delle Feste a Genova; il Museo Preistorico dei Balzi Rossi, a due passi dalla frontiera, a Ventimiglia. Intorno al tema Donne Isole Frontiere, con un focus su Isole, si snoda un programma che comprende due prime nazionali, affermati interpreti e autori, compagnie meticce e tematiche sensibili. In rilievo le presenze di Iaia Forte, Laura Curino, Enrico Bonavera, Nadia Kibout. Tra gli autori Massimo Carlotto, Kevin Rittberger, Lina Prosa.

La novità della Compagnia del Suq con Bintou Ouattara, Carla Peirolero, Irene Lamponi, in un omaggio a Nuto Revelli nel centenario della nascita. Teatro delle Forme e Compagnia PAV per offrire punti di vista originali, ed emozionanti, sulle migrazioni e lo spettacolo per bambini ispirato da un libro di Alessandra Ballerini e Lorenzo Terranera. La rassegna Teatro del Dialogo è sostenuta dal MiBAC e vede come maggior sostenitore Compagnia di San Paolo. La direzione artistica è di Carla Peirolero.

Potete acquistare i biglietti online su Happyticket o Vivaticket oppure prenotando scrivendo a festival@suqgenova.it o tel329 2054579

Quest’anno, intorno al teatro, due iniziative speciali: scoprile a a questo link

 

sabato 15 giugno ore 19 Chiesa di San Pietro in Banchi
domenica 16 giugno ore 21 Chiesa di San Pietro in Banchi
lunedì 17 giugno ore 21 Chiesa di San Pietro in Banchi
Da madre a madre [prima nazionale]

Ispirato a L’anello forte di Nuto Revelli
Scritto e interpretato da Bintou Ouattara, Irene Lamponi, Carla Peirolero
Cura drammaturgica Irene Lamponi
Regia Enrico Campanati
produzione Suq Festival e Teatro
in collaborazione con Centro Banchi
In omaggio a Nuto Revelli nel centenario della nascita

Nella cornice barocca della chiesa di Banchi si incrociano vicende che non sono poi così distanti, anche se appartengono a quel passato contadino degli anni 40 e 50 , indagato da Nuto Revelli, e all’Africa di oggi. Si scopre che c’è stata una tratta delle bianche, o che credenze, paure e speranze non hanno frontiere. E le donne? Sono sesso debole o anello forte? Sono madri, intanto. E il colore della pelle è solo un dettaglio, perché è l’anima che parla e, a volte, grida. Scritto dalle stesse interpreti in un lavoro di lettura e di scambio di ricordi e esperienze di vita, lo spettacolo alterna momenti di grande comicità, ad altri commoventi. Le due madri sono Bintou Ouattara, l’attrice originaria del Burkina Faso, che ha incantato tutti con Kanu al Suq 2018, e Carla Peirolero; con loro una figlia, Irene Lamponi, prossima al matrimonio, misto. Le troviamo impegnate negli ultimi preparativi, ma è solo l’inizio…

 

martedì 18 giugno ore 21 – Chiesa San Pietro in Banchi prima nazionale
mercoledì 19 giugno  ore 19 – Chiesa di San Pietro in Banchi
Arlecchin dell’onda [prima nazionale]

di Enrico Bonavera
con Enrico Bonavera e Barbara Usai
regia Enrico Bonavera
Collaborazione alla regia e luci Christian Zecca
produzione Compagnia Çàjka/Teatridimare 2019

Enrico Bonavera, Alecchino titolare dell’ “Arlecchino servitore di due padroni” del Piccolo Teatro di Milano, porta al Suq una novità assoluta. Le divertentissime, irriverenti e animalesche maschere della commedia dell’arte vengono catapultate per mare, in vicende più attinenti con il nostro mondo contemporaneo. Troviamo un Pantalone mercante di
nuovi schiavi e profittatore dei flussi migratori; un Capitan Matamoros che, credendosi novello pirata, si è imbarcato su un peschereccio; Arlecchino che, spinto dalla fame a cercare fortuna a Venezia, trova invece una tragica fine in un naufragio fluviale. Racconti veri o immaginari, canzoni e lazzi che, partendo dalla tradizione della Commedia dell’Arte, fanno una divertita e amara riflessione sulle radici contradditorie della nostra cultura mediterranea: contaminata, trasformata e in continuo movimento.

 

giovedì 20 giugno ore 20 – Isola delle Chiatte
Kassandra
(o del mondo come fine della rappresentazione)


di Kevin Rittberger
con Patience Sare, Silvia Gallerano, James Osawe, Comfort Samuel, Deborah Offeh Konan, Simonetta Solder
traduzione di Simonetta Solder
regia Alessandra Cutolo

produzione PAV nell’ambito di Fabulamundi Playwriting Europe – Beyond borders
in collaborazione Goethe-Institut Genua

Un drammaturgo tedesco tradotto in 5 lingue, un progetto di cooperazione che coinvolge organizzazioni culturali da 10 paesi europei e una compagnia meticcia si fanno una domanda: come ci poniamo noi cittadini europei di fronte a quanto sta accadendo nel Mediterraneo? Ogni giorno persone rischiano il naufragio nella speranza di condurre una vita dignitosa in Europa. Molti sanno a cosa vanno incontro ma, come Cassandra, non possono impedire che la tragedia abbia luogo. Kevin Rittberger, uno dei più eminenti drammaturghi contemporanei, cerca risposte intrecciando interviste, interrogatori romanzati, e la storia di due giornalisti e di un traduttore che si sforzano di trovare un nuovo punto di osservazione. Uno spettacolo che trova nell’Isola delle Chiatte, sul mare, la cornice perfetta..

 

sabato 22 giugno ore 21 – Auditorium Acquario di Genova
L’isola di Arturo

dal romanzo di Elsa Morante
elaborazione drammaturgica di Iaia Forte e Carlotta Corradi
con Iaia Forte
regia di Iaia Forte
immagini di Giovanni Frangi

produzione Infinito srl – Pierfrancesco Pisano

Chi ha amato “L’isola di Arturo” di Elsa Morante non può perdersi l’appuntamento con l’intensa interpretazione che ne fa Iaia Forte in questo spettacolo. Procida, l’isola del romanzo, è come l’anima di Arturo, un luogo incantato e innocente, che verrà abbandonato dal protagonista nell’età in cui si abbandona la propria infanzia. L’isola racchiude tutto il suo mondo, e tutti gli altri posti fuori da lì esistono per lui solo nella dimensione della leggenda. L’isola e Arturo sono lo stesso corpo, selvatico e denso, sono l’infanzia e l’innocenza, il racconto magnifico, quel “rito di passaggio” da un’età all’altra così traumatico per tutti noi. Uno spettacolo centrale per la rassegna Suq 2019 che alle Isole è dedicata.

 

domenica 23 giugno ore 19 – Isola delle Chiatte
L’immaginifica storia di Espérer

ideazione Antonio Damasco
con Antonio Damasco, Laura Conti, Nezha Mousaif, Yassin El Mahi, Maurizio Verna
regia Antonio Damasco

produzione Teatro delle Forme, in collaborazione con The Goodness Factory

Una nuova isola nasce in Europa: il suo nome è Espérer. L’unico modo per raggiungerla è il “Certificato di Esistenza”, uno speciale documento che sarà offerto a chi vorrà raggiungere questa nuova isola itinerante. La nuova isola non chiederà passaporti alle sue frontiere, per farne parte bisognerà soltanto esistere. Lo spettacolo è una favola amara che Antonio Damasco ha scritto per le sue bambine con l’intento di spiegargli che cosa stava accadendo a Ventimiglia nell’estate del 2015, quando otre 500 persone si erano concentrate sul confine franco/italiano. Questo spettacolo prende spunto dalla realtà e ci traghetta in una storia immaginifica dove esistono famiglie di giostrai, la città dell’amore e soprattutto scogli: un luogo senza patria. Espérer: un’isola che guarda al futuro, come questo spettacolo, che mischia parole e suoni, e cattura gli spettatori, grazie al gioco inesauribile del teatro.

 

lunedì 24 giugno ore 21 – Auditorium Acquario di Genova
Cantico di terra e di … acqua

da un’idea di Maurizio Camardi e Paolo Mazzo
testi di Massimo Carlotto
con Laura Curino
e con Maurizio Camardi sassofono e Ilaria Fantin duduk, flauti etnici, elettronica
regia Laura Curino, Maurizio Camardi

produzione Gershwin Spettacoli

Due musicisti e un’attrice sul palco, avvolti da suoni, parole e circondati da immagini fotografiche che procedono in parallelo con gli impulsi, le suggestioni e le emozioni costruite dalla musica e dalla narrazione. Il cantico, la terra e l’acqua sono gli elementi necessari per questo viaggio di suoni, parole e immagini dove l’orizzonte si confonde continuamente, dove spiritualità e dimensione terrena sono figlie della stessa genesi, dove natura e uomo risultano strettamente compenetrati. Massimo Carlotto ha curato la drammaturgia, che mischia testi originali e non, affidandola all’interpretazione di Laura Curino, una delle figure chiave della scena italiana, riferimento eminente per il teatro di narrazione. Un cantico incantato, per nuove promesse.

 

giovedì 20 giugno ore 10.30 – Piazza delle Feste
venerdì 21 giugno ore 10.30 – Piazza delle Feste
Per Bambini
Fifa nera, fifa blu e altre storie


ispirato al libro di Alessandra Ballerini e Lorenzo Terranera
con Alberto Lasso, Giulia Zerbino
e con Ilaria Laruccia Clarinetto
regia Alberto Lasso

produzione Suq Festival e Teatro

Un’isola abitata da piccoli uomini e piccole donne che, tra un sussulto e un sorriso, riflettono le stesse grandi paure ma anche le stesse speranze, perché dopo la notte spunta sempre l’alba. Ispirato al libro illustrato di Alessandra Ballerini e Lorenzo Terranera, lo spettacolo vuole affrontare, dissolvere e trasformare le paure di grandi e piccini. La fifa blu di noi, che viviamo sulla sponda agitata del mondo e guardiamo i migranti sbarcare, non è poi tanto diversa dalla fifa nera del buio che provano i bimbi durante il loro viaggio. Racchiude ciò da cui si fugge e ciò che non si conosce. I più piccoli ci insegnano che per imparare a volare, bisogna prima rispecchiarsi negli occhi degli altri

 

Sabato 27 giugno ore 20 – Museo Preistorico Balzi Rossi Ventimiglia
Lampedusa Beach

da un testo di Lina Prosa
con Nadia Kibout
e con Daniele Onorati fisarmonica
regia Nadia Kibout

produzione Associazione ACT in Circus
in collaborazione con Polo Museale della Liguria

Prodotto e messo in scena per la prima volta nel 2013 a Parigi, alla Comédie-Française, “Lampedusa Beach” è uno spettacolo scritto da Lina Prosa, e trova la cornice ideale sulla spiaggia dei Balzi Rossi, accanto al Museo Preistorico. Prende forma, a stretto contatto con gli spettatori, la testimonianza di Shauba, il suo sogno di una vita migliore ma anche il suo rapporto primordiale con l’acqua e con la sua identità mediterranea. “Il mare è innocente, l’uomo invece ha le sue colpe”. Partita verso l’Europa, spinta dal sogno dell’amata zia Mahama, Shauba affronta il suo viaggio su una “carretta” del mare piena di clandestini. Un viaggio intenso che ci porterà dentro e fuori da noi.

 

Biglietti teatro

Prezzi
Intero € 10, ridotto € 7, spettacoli per bambini € 3
Riduzioni per Soci Suq, Soci Coop, titolari Cartapiù Feltrinelli.
E per chi ha i biglietti di : Acquario di Genova, Galata Museo del Mare, Rassegna di Drammaturgia Contemporanea del Teatro di Genova.
Prezzi  spettacoli per bambini (Fifa nera, fifa blu e altre storie – non acquistabili online€ 3

Genova Porto Antico Piazza delle Feste – dal 14 al 24 giugno
orario biglietteria tutti i giorni dalle 18 alle 21.30
Museo Preistorico Balzi Rossi Ventimiglia – 27 giugno h. 18 /20

Info e prenotazioni tel. 329 2054579 o festival@suqgenova.it

Tutti gli altri eventi del Festival sono a ingresso gratuito

Acquisto online su Vivaticket o Happyticket

 

Oppure direttamente al Suq Festival.
É inoltre possibile acquistare e lasciare un BIGLIETTO SOSPESO

Pionieri dei biglietti sospesi

A partire dal 2014, il Suq offre ogni anno alcuni biglietti sospesi per ciascuna rappresentazione degli spettacoli teatrali in programma, destinati a cittadini e famiglie in difficoltà, in collaborazione con associazioni ed enti della città di Genova. Ispirata ad iniziative analoghe come i “caffé sospesi”, per la prima volta questa buona pratica viene estesa al teatro, per una cultura veramente accessibile a tutti.

Info e prenotazioni tel. 329 2054579 o festival@suqgenova.it