21° SUQ FESTIVAL 2019 – RASSEGNA TEATRO DEL DIALOGO – Comunicato stampa

Le date del Festival: dal 14 al 24 giugno al Porto Antico di Genova; il 27 giugno al Museo Preistorico Balzi Rossi di Ventimiglia. Definita la Rassegna Teatro del Dialogo, cuore del Festival. 8 spettacoli sul tema Donne Isole Frontiere. Artisti e autori affermati: Iaia Forte, Laura Curino, Enrico Bonavera, Nadia Kibout, Massimo Carlotto, Kevin Rittberger, Lina Prosa; Compagnie note come PAV e Teatro delle Forme; la prima nazionale del Suq con Bintou Ouattara, Carla Peirolero, Irene Lamponi, in un omaggio a Nuto Revelli; uno spettacolo per bambini ispirato al libro di Alessandra Ballerini e Lorenzo Terranera.
Direzione artistica Carla Peirolero

Tra i tanti fili che compongono il Suq, il più importante è sicuramente il teatro, perché due donne di teatro lo hanno ideato, nel 1999, Valentina Arcuri e Carla Peirolero, e uno scenografo, Luca Antonucci, allievo di Emanuele Luzzati, ne ha disegnato e realizzato la scenografia che trasforma la Piazza delle Feste al Porto Antico di Genova in uno spazio scenico in cui protagonisti non sono solo attori, musicisti, danzatori, scrittori… ma il pubblico stesso, multiculturale e intergenerazionale, e anche gli artigiani, i ristoratori del bazar, con i colori e i sapori di tante parti del mondo. Un progetto che dal 2014 è best practice d’Europa per il dialogo tra culture e la promozione della diversità. Nel 2019 troviamo spettacoli che raccontano il mondo, con lo sguardo delle donne, le isole fisiche o immaginarie, le frontiere che possono diventare muri e prigioni, ieri e oggi. Viaggi nelle storie che portano dritti nel cuore di un fatto, un ricordo, una vita, com’è nello stile più autentico del Suq.

La Rassegna Teatro del Dialogo 2019
Si compone di 8 spettacoli, 12 repliche, 7 Compagnie, 5 diversi luoghi scenici. A Genova: Chiesa di San Pietro in Banchi, Isola delle Chiatte, Auditorium dell’Acquario, Piazza delle Feste; a Ventimiglia il Museo Preistorico dei Balzi Rossi, a due passi dalla frontiera.

Si comincia il 15 giugno (in replica il 16 e il 17) nella Chiesa di San Pietro in Banchi con Da madre a madre nuova produzione in prima nazionale del Suq, con protagoniste Bintou Ouattara, attrice originaria del Burkina Faso, Carla Peirolero e Irene Lamponi, per la regia di Enrico Campanati. Ispirato al libro omonimo di  Sindiwe Magona e a “L’anello forte” di Nuto Revelli (di cui si celebra quest’anno il centenario della nascita) mette a confronto in modo ironico, commovente e a tratti comico il mondo contadino degli anni ’40 e‘50 nelle nostre campagne,  e quello attuale in alcune parti dell’Africa. Le donne sono sesso debole o anello forte? Sono madri, intanto. E il colore della pelle è solo un dettaglio, perché è l’anima che parla e, a volte grida.  Il 18 giugno (in replica il 19) alla Chiesa di San Pietro in Banchi, in prima nazionale Enrico Bonavera, con il suo nuovo spettacolo, Arlecchin dell’onda: la commedia dell’arte per leggere il mondo contemporaneo. C’è il viaggio, il mare, la ricerca di un approdo… una situazione che ci riporta all’oggi delle migrazioni ma la bravura di Arlecchino/ Bonavera sarà farci capire come la storia si ripete e sta a noi farne memoria.

Il 20 giugno, ore 20, Giornata mondiale del rifugiato, arriva all’Isola delle Chiatte lo spettacolo Kassandra, produzione di PAV, in collaborazione con Teatro di Roma nell’ambito del progetto europeo “Fabulamundi Playwriting Europe – Beyond borders?”. Autore ne è il tedesco Kevin Rittberger, pluripremiato per la sua opera drammaturgica, e tra gli interpreti, occorre citare, Simonetta SolderSilvia GalleranoPatience Sare; la regia è di Alessandra Cutulo. 

Sabato 22, ore 21 all’Auditorium dell’Acquario arriva Iaia Forte, con L’isola di Arturo dal testo di Elsa Morante. In questo spettacolo l’isola rappresenta l’infanzia e l’innocenza, che il protagonista dovrà abbandonare per compiere il “rito di passaggio” all’età adulta.

Un’altra isola, quella della speranza, è al centro dello spettacolo all’Isola delle Chiatte il 23 alle ore 20: L’immaginifica storia di Espérer di Antonio Damasco, direttore del Teatro delle Forme e della Rete Italiana di cultura popolare di Torino. Ispirato ad una storia vera, lo spettacolo sarà anche l’occasione per la presentazione del progetto “Passaporto Nansen”, ispirato al documento di viaggio inventato da Fridtjof Nansen, Premio Nobel per la pace nel 1922.

Sul filone delle interpreti femminili, lunedì 24 alle 21 all’Auditorium dell’Acquario arriva Laura Curino tra le maggiori interpreti del teatro di narrazione, con il suo spettacolo Cantico di Terra e di…Acqua: un viaggio di suoni, parole e immagini, da testi di Massimo Carlotto.

Per bambini, sul palco del Suq a Piazza delle Feste, il 20 e il 21 alle 10.30 lo spettacolo Fifa Nera Fifa Blu e altre storie, per bambini, ispirato all’omonimo libro di Alessandra Ballerini con illustrazioni di Lorenzo Terranera, per la regia di Alberto Lasso

A Ventimiglia, sulla spiaggia del Museo Preistorico dei Balzi Rossi, giovedì  27 giugno alle ore 20,  a dare vita a Lampedusa Beach due protagoniste del teatro contemporaneo: Nadia Kibout  interpreta il  testo di  Lina Prosa prima autrice e regista italiana il cui lavoro viene messo in scena alla Comédie-Française.

La Rassegna Teatro del Dialogo è sostenuta dal MiBAC attraverso il FUS e vede come maggiore sostenitore Compagnia di San Paolo, attraverso il Bando Performing Arts. 

A questo link foto e descrizioni degli spettacoli

Biglietti: gli spettacoli sono gli unici appuntamenti a pagamento del Suq: € 10 (intero), € 7 (ridotto) € 3 spettacoli per bambini. Info e prenotazioni: tel. 329 2054579– festival@suqgenova.it
Dal 2014 il Festival mette a disposizione, alcuni biglietti sospesi, per cittadini in difficoltà in collaborazione con Associazioni di volontariato.
21° SUQ Festival, non solo teatro 
Aggiornamenti  a breve sul programma di concerti, danza, incontri, workshop, buone pratiche per l’Ambiente su www.suqgenova.it