Mondopentola. Ricette per convivere – Comunicato del 19 luglio

SUQ GENOVA – In scena venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 luglio a Palazzo Reale di Genova lo spettacolo teatrale itinerante Mondopentola. Ricette per convivere, vincitore del Bando Nazionale Migrarti MiBACT 2018. Una ventina di artisti in scena, 15 origini diverse, un tema chiave per l’intercultura: il cibo. Una nuova produzione della Compagnia del Suq, diretta da Carla Peirolero

Genova, 19 luglio 2018 – Va in scena venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 luglio a Palazzo Reale di Genova lo spettacolo itinerante Mondopentola. Ricette per convivere ultima produzione della Compagnia del SUQ, inserito nel Cartellone nazionale MigrArti 2018 del MiBACT. Venerdì e sabato si terrà alle ore 19, domenica alle ore 17.

Ispirato all’omonimo libro a cura di Laila Wadia, con l’adattamento drammaturgico di Emilia Marasco e Carla Peirolero , che ne è anche regista, Mondopentola prevede alcune tappe sceniche tra narrazione, musica e danza, nelle sale, nelle terrazze e nel cortile d’onore di Palazzo Reale, che ne è anche partner insieme a Mabota A.S.A. Associazione Speranza per l’Africa, Comitato Casa del Migrante Ecuadoriano e Associazione SemiForesti

In scena 20 interpreti: professionisti come Bianca Podestà, le musiciste ucraine Elena NadyakOksana Nadyak, Olmo Manzano Anorve, i rapper Preci P e Leli K-lidas; giovani artisti cresciuti in questi anni ai laboratori teatrali del Suq e di MigrArti come Alberto Lasso – anche assistente alla regia-, Enmanuel De La Cruz, Pancracio Bungo Lubendo, Eriomina Shahaj, Melissa Zhingre,
Sebastián Zhingre; o ancora nuove leve che hanno partecipato quest’anno ai laboratori di recitazione di Mondopentola: Mohammed Barry, Tourad Yemhlou Mouhamed Essid, Roberta Desderi, Ana Paula González Torres, Igho Olize, Bemba Sidibe.

La consulenza musicale è di Laura Parodi, mentre elementi scenici e di costume sono di Danièle Sulewic, che ha potuto contare sulla collaborazione di Alhassane Diallo, Foday Fatty, Suleyman Kassama, Cherif Watar. Nel percorso di avvicinamento allo spettacolo molto importanti i laboratori di scrittura a cura di Emilia Marasco, quelli teatrali di Raffaele Casagrande, e la
collaborazione per le musiche di Olmo Manzano Anorve

Significativa la presenza di interpreti di 15 origini diverse: Cuba, Messico Panama, Perù, Nigeria, Liberia, Repubblica Dominicana, Mauritania, Ecuador, Angola, Albania, Mali, Gambia, Ucraina e Italia.
Considerando tutti i partecipanti ai laboratori si arriva a 21 paesi. Un patrimonio espressivo e di scambio culturale di cui il Suq è promotore dalle sue origini. Tanto più importante in questo momento, dove l’integrazione è tema nevralgico, che richiede investimento e mobilitazione da parte del mondo della cultura e dell’arte.

“ Il Museo è da sempre luogo di conoscenza, di cittadinanza, di appartenenza, vocazione che nel tempo è andata ad affievolirsi ma che oggi, grazie alla particolare attenzione alla valorizzazione, ritorna a riaffermarsi – è il pensiero di Serena Bertolucci, direttrice di Museo Palazzo Reale. Sono felice che Palazzo Reale grazie alla collaborazione con il Suq, vincitore del Bando Migrarti, possa in questo modo continuare ad adempiere l’importante ruolo di essere la casa di tutti, così come la cultura in senso più ampio dovrebbe essere.”

“ Per il secondo anno abbiamo vinto il Bando MigrArti – Spettacolo, unici in Liguria, che si conferma un’occasione privilegiata per un lavoro che ha risvolti umani, sociali, oltre che teatrali – afferma Carla Peirolero, direttrice della Compagnia del Suq; speriamo davvero che MigrArti possa essere confermato dal Ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli, visto i risultati che ha ottenuto
in questi 3 anni di attuazione, nel segno dell’innovazione e dell’apertura a nuovi protagonisti e a nuovo pubblico”

Il tema

Il cibo – come ha scritto l’antropologo Marco Aime – insieme alla musica è l’ambito che meglio esprime il divenire della cultura, il suo essere frutto di contaminazioni, viaggi, intrecci; il cibo pur valorizzando le differenze unisce magicamente linguaggi e provenienze, favorisce la convivialità.
Mondopentola presenterà ricette da tante parti del mondo, ma soprattutto le storie che le legano alle memorie intime dei protagonisti, o ancora aneddoti divertenti, che faranno scoprire risvolti nuovi al pubblico. Sapori dell’Albania e del Brasile, o dell’Ecuador, piatti che mischiano i sapori di Occidente a quelli di Oriente, senza tralasciare la cucina genovese e il suo pesto. Imparare a
riconoscere il significato e la storia del nostro modo di accostarci al cibo è anche aprirsi al nuovo, alla condivisione, e stabilire relazioni.

Il progetto, i partner e le collaborazioni

Lo spettacolo è il risultato finale di un progetto artistico che dopo la fase di stesura, a dicembre 2017, e l’esito positivo del Bando, ha attivato da aprile 2018 laboratori di scrittura e teatrali, con la partecipazione di 30 persone. Insieme alle attività formative ci sono stati incontri di approfondimento, tra cui, significativo, quello con Claudio Bernardi e Giulia Innocenti Malini dell’Università Cattolica di Milano, sui temi del “Teatro e Intercultura per la formazione di una comunità plurale”.

Il Progetto Mondopentola. Ricette per convivere ha visto come capofila l’Associazione Chance EventiSuq Genova e ha avuto il sostegno di un importante partenariato: Museo di Palazzo Reale, Mabota A.S.A. Associazione Speranza per l’Africa, Comitato Casa del Migrante EcuadorianoAssociazione SemiForesti .
Collaborazioni sono state attivate con: CIT Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Teatro Nazionale di Genova, Associazione Luanda, Associazione Solidarietà Italo-Etiope-Eritrea, ACLI Liguria, Endofap Liguria, Associazione Culturale Matrioske, Vivere Santa Brigida, Comunità Ucraina, Officina Letteraria.
Si ringrazia il Comune di Genova per la collaborazione

Coop Liguria metterà a disposizione, ad ogni replica, alcuni omaggi a tema per il pubblico, a estrazione.

Mondopentola. Ricette per convivere
Genova – Palazzo Reale
DATE E ORARI:
Venerdì 27 luglio e sabato 28 luglio ore 19.00
domenica 29 luglio ore 17.00
PREZZO BIGLIETTO:
6 € (comprensivo di accesso al Museo)
Per informazioni e prenotazioni : tel. + 39 329 2054579 teatro@suqgenova.it
I posti sono limitati è consigliabile la prenotazione
www.suqgenova.it